per-cominciare-sub-slider

Proposta 2 - Ludoscritture

Con il termine ludoscritture si intende l’insieme di particolari forme di scrittura che hanno apparentemente una funzione ludica ma, come vedremo, non solo. Servono a destrutturare un’idea troppo rigida o precisa che possiamo avere della scrittura e a giocare con le parole.

Qui presentiamo la più classica e nota ludoscrittura, l’acrostico.

Iniziate scegliendo un tema sul quale volete fare pratica anche se non vi servirà subito. Consiglio di partire da temi leggeri: le vacanze, il viaggio, la cucina, il cibo, gli animali da compagnia…

La consegna si svolge in tre tempi, i primi due sono, diciamo così, di riscaldamento. E’ bene dedicare ad ogni tempo almeno 10/15 minuti e svolgere le fasi in successione. In totale dedicatevi almeno 30/40 minuti e mi raccomando non saltate il riscaldamento.

 

  • Primo tempo:

scegliete delle parole a caso e a caso disponendo la parola in verticale accoppiate ad ognuna delle lettere componenti la prima parola altre parole che abbiano come iniziale la lettera di volta in volta in gioco.

Le nuove parole possono essere verbi, sostantivi, aggettivi, avverbi, articoli… relativi a tutti gli argomenti. Più parole troverete e più il riscaldamento sarà efficace. Non abbiate fretta.

Ad esempio:

C avalcare
A glio
S eggiovia
A scensore

M obiletto
A ssistere
R osa
E sistere

L attuga
E dera
T ovaglia
T imo
O rologio

  • Secondo tempo:

scegliete ora altre parole relative all’argomento che volete trattare. Cercate di compilare l’acrostico con parole relative alla parola scelta ma senza preoccuparvi del senso delle parole, a ruota libera. Anche in questo caso più parole compilerete e più il riscaldamento sarà efficace. Non preoccupatevi ancora che le parole dell’acrostico siano collegate tra loro.

Ad esempio: poniamo che l’argomento scelto sia il viaggio...

T ram
R icordarsi
A ndare
M are

V iaggiare
A ncora
L ido
I ncontro
G iungere
I ndice
A vvertire

D enaro
E spatrio
S afari
E lefante
R idere
T anzania
O rigami

A bbandono
L una
T reno
U nione
R oma
A ndino

  • Terzo tempo:
ora scegliete delle parole che per voi sono strettamente connesse all’argomento che vi interessa e che avete scelto per esercitarvi. Provate a costruire, con le parole in tema che troverete, a costruire una frase di senso compiuto sulla parola base e che ovviamente si riferirà all’argomento scelto. Ad esempio: sempre sul tema scelto del viaggio

S ognare
C on
O occhi
P uliti
R rapiti
I increduli
R estare
E estasiati

M ai
U n
T ale
A rdore
R apì
E entrambi

A li
L ibere
B aciano
A ttimi

Ora potete provare ad abbinare due parole, ad inserire più articoli o preposizioni, provate a comporre acrostici con i nomi dei vostri amici e delle vostre amiche… cercando di descriverli. Divertitevi.

F elice
I ncontro
L asciasti
I ncerti
P assi
E suli

E lettrico
U n
G iorno
E ntrasti
N ell’
I nformatico
O limpo

M usica
A bbracciasti
R icordando
I  llustri
N ostalgici
A mericani

Quando affrontate gli acrostici ricordatevi di fare sempre il riscaldamento per avere la mente più sciolta, più narrativa ed ottenere così degli acrostici più ricchi e poetici. Al termine del tempo dato si conclude la scrittura che daterete. Utilizzate per scrivere il quaderno che avete scelto, vi ricordate?
Avete terminato? ora provate a rileggere il vostro scritto e provate a scrivere le vostre impressioni sulla scrittura appena realizzata sul vostro quaderno. Ne siete soddisfatti? stupiti? disorientati?
Lasciate riposare gli acrostici per un po’, li riprenderete in mano tra qualche giorno. Rileggendoli che effetto vi fanno? sono divertenti, significativi, originali?
Segnatevi ancora le vostre impressioni e considerazioni, saranno preziose. Se volete potete ripetere la consegna a distanza di un certo tempo. E provate a vedere cosa capita….
Oppure provare a rifarla insieme a qualcuno che conoscete e confrontatevi al termine.

 

Pillole

La consegna della seconda proposta fa riferimento al tema delle LUDOSCRITTURE.
Per chi desidera approfondire l’argomento suggeriamo la lettura del testo base di riferimento che pur essendo stato pubblicato la prima volta nel 1947 è ancora molto attuale.

Queneau R. (2014), Esercizi di stile, Giulio Einaudi Editore, Torino